powered by
Il vostro consulente di family office
La delocalizzazione in Italia porterà
  al raggiungimento di tutti i vostri obiettivi?
Usufruite della conoscenza e del know-how
  di un consulente patrimoniale di primo ordine
L'Italia vi offre una ricca storia culturale
  e "La dolce vita"
FOSS offre consulenza indipendente e imparziale

Delocalizzazione in Italia

L'Italia è nota al grande pubblico per la sua impressionante storia e la sua cultura, per il cibo favoloso, il fantastico clima mediterraneo, il calcio, la moda e "La dolce vita". In breve, è una destinazione ideale per le vacanze e una delle località migliori da prendere in considerazione come seconda casa.

Inoltre, dal lancio dell’invitante regime fiscale (e di visti) per le facoltose famiglie internazionali che desiderano trasferirsi in Italia, l'Italia è diventata anche una giurisdizione interessante per la delocalizzazione delle famiglie benestanti.

Avete domande?

Contattateci:

+41 58 819 65 50
info@switzerland-family-office.com

Continuate a leggere o contattateci adesso per maggiori sull'argomento.


Contenuto:

  1. Storia dell’Italia
  2. Governo ed economia italiana
  3. Imposte in Italia
  4. Trattamento fiscale speciale per i cittadini stranieri che procedono alla delocalizzazione in Italia
  5. Vantaggi della vita in Italia
  6. Visti e permessi di soggiorno
  7. Diventare residenti italiani
  8. Cittadinanza italiana
  9. Lasciare il proprio paese e trasferirsi in Italia
  10. Compiere questo passo


Storia dell’Italia

La storia dell'Italia è veramente impressionante e arriva lontano, iniziando molto prima del noto periodo storico dell'Impero Romano, che ha avuto un'influenza perenne su gran parte dell'Europa. L'Italia moderna risale al Regno d'Italia, fondato il 17 marzo 1861, quando il re Vittorio Emanuele II di Sardegna fu proclamato re d'Italia.

Il 2 giugno 1946, poco dopo la fine della seconda guerra mondiale, dopo aver indetto un referendum pubblico, l'Italia divenne una Repubblica. Oggigiorno l'Italia conta oltre sessanta milioni di abitanti ed è, in termini di dimensioni, una delle più grandi nazioni europee.

La lunga e ricca storia dell'Italia ha influenzato considerevolmente molte altre nazioni, in particolare perché tutte le lingue romane hanno origine dal latino, e l'alfabeto latino, la Chiesa cattolica, la contabilità moderna, il sistema legale completo e codificato e il Rinascimento fanno parte del patrimonio culturale italiano.


Governo ed economia dell’Italia

L'Italia è una democrazia parlamentare e il nome ufficiale del paese è Repubblica italiana. Il parlamento italiano è composto da due case: la Camera dei deputati e il Senato della Repubblica. Entrambi si trovano a Roma, che è anche la capitale d'Italia. Il capo dello Stato italiano è il Presidente dell'Italia. Viene eletto con un mandato di sette anni dal Parlamento d'Italia in seduta comune.

Il primo ministro è il capo del governo: il capo del Consiglio dei Ministri. Lui / lei e il gabinetto vengono nominati dal Presidente, ma per entrare in carica il governo deve ottenere il voto di fiducia del parlamento.

L'Italia è paese fondatore della Comunità Europea, ora Unione Europea (UE) e del G7. È anche membro a pieno titolo della NATO e dell'OCSE. Fa parte dell'area Schengen e l'euro è la sua valuta. L'italiano è l'unica lingua ufficiale italiana.

L'Italia è una delle più grandi economie al mondo. Ha un'economia mista che comprende come settori più rilevanti l’industria, i beni di lusso, il commercio, l’agricoltura e la produzione di vini. Anche il turismo svolge un ruolo importante nell'economia italiana. La storia e la cultura dell'Italia vi sono una delle ragioni principali: il paese, infatti, conta oltre 50 siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO. Le piccole e medie imprese svolgono un ruolo importante nell'economia italiana. L'economia della parte settentrionale dell'Italia è molto più sviluppata di quella della parte meridionale del paese. Ciò si riflette nel suo contributo al PIL italiano e nel livello di disoccupazione in entrambe le parti del paese.

Il rapporto debito / PIL dell'Italia rispetto ad altri paesi è relativamente alto. Pertanto, ha in media un rating di credito BBB.


Imposte in Italia

Il sistema fiscale italiano è paragonabile a quello della maggior parte degli altri paesi dell'UE. Infatti, tassa le entrate mondiali dei propri residenti in base ad un'aliquota d'imposta sul reddito personale progressiva.

  • Imposta sul reddito: le famiglie che hanno scelto di procedere alla delocalizzazione in Italia (e che non scelgono la tassazione come persone non domiciliate in Italia [vedi sotto]), vengono tassate sul reddito e sulle plusvalenze mondiali. Tutte le entrate devono essere dichiarate alle autorità fiscali italiane, sia che si tratti di entrate da attività o investimenti personali dipendenti o indipendenti.

    Vengono applicati i tassi progressivi corrispondenti al tipo di reddito percepito. Il tasso standard varia dal 23% al 43%, con il tasso più alto che si applica a qualsiasi reddito percepito superiore alla cifra di EUR 75.000. L'imposta sul reddito dovuta aumenta per un supplemento regionale dall'1,23% al 3,33%. Potrebbero essere applicati anche dei supplementi comunali (fino allo 0,9%).

    La maggior parte dei tipi di reddito da investimenti, interessi, dividendi e plusvalenze sono soggetti a un’aliquota speciale del 26%. L'aliquota del 12,5% si applica agli interessi pagati sui titoli di stato italiani e sui titoli di stato delle giurisdizioni appartenenti alle cosiddette "white list".

  • Imposta sul patrimonio: L’Italia non applica l’imposta sul patrimonio netto, ma un’imposta del 0,2% sulle attività finanziarie detenute all’estero (questa imposta non si applica sulle polizze di assicurazione sulla vita estere).

  • Imposta sulle successioni e imposta sulle donazioni: L'Italia riscuote l'imposta sulle donazioni e l'imposta sulle successioni su base mondiale. L'aliquota fiscale applicabile varia dal 0% all'8%, a seconda della relazione tra le parti e dell'importo coinvolto. Per il coniuge, i discendenti diretti e gli ascendenti, si applica un importo esentasse di 1 milione di euro a persona. Per quel gruppo di individui, l'aliquota d'imposta applicabile sull’importo che supera questa cifra è del 4%. La tassa di successione non si applica alle polizze di assicurazione sulla vita estere.

  • IVA: L’Italia riscuote l’imposta sul valore aggiunto (IVA). Il tasso di IVA standard è del 22%. I tassi ridotti sono il 4%, 5% e il 10% e vengono applicati su certi servizi e beni. Un ridotto numero di servizi è completamente esentasse, per esempio i servizi medici e certe transazioni finanziarie.

  • Exit tax: quando decidete di lasciare l’Italia e di emigrare in un altra giurisdizione, per adesso l’Italia non riscuote alcuna exit tax.

Trattamento fiscale speciale per i cittadini stranieri che procedono alla delocalizzazione in Italia

Nel 2017, l'Italia ha lanciato un speciale regime fiscale per i cittadini stranieri facoltosi che desiderano la residenza (fiscale) in Italia. Anche i facoltosi cittadini italiani che attualmente vivono fuori dall'Italia e che desiderano procedere di nuovo alla delocalizzazione in Italia possono, a determinate condizioni, optare per questo regime fiscale speciale. Il regime è indicato anche come il regime fiscale italiano per non domiciliati.

Chi è idoneo?

  • I cittadini non italiani che finora non sono mai stati fiscalmente residenti in Italia; e
  • I cittadini italiani e non italiani che non sono stati fiscalmente residenti in Italia per almeno nove degli ultimi dieci anni,

sono idonei per l’imposizione secondo il speciale regime fiscale.

Le persone che si sono trasferite in Italia e soddisfano i criteri sopra indicati possono presentare una richiesta di trattamento fiscale speciale alle autorità fiscali italiane. Alle autorità fiscali italiane può essere richiesto di emettere un accordo di “tax ruling” (questo non è obbligatorio, ma raccomandato). L’accordo può essere richiesto prima di ottenere effettivamente la residenza in Italia. L’accordo di “tax ruling” è valido per 15 anni, consentendo al richiedente di rimanere in Italia per 15 anni nei quali si applica il regime fiscale speciale italiano.

Le persone che intendono procedere alla delocalizzazione in Italia (e che sono idonee) non sono obbligate a richiedere l’applicazione del speciale regime fiscale non domiciliati, ma hanno anche la possibilità di optare per la tassazione sul patrimonio e sul reddito mondiale secondo il normale regime fiscale (come sopra descritto sotto Imposte in Italia).

Imposte sul reddito dovute in Italia

L'imposta sul reddito dovuta della persona fisica che si è trasferita in Italia e che presenta richiesta per l’applicazione del regime fiscale speciale sarà fissata a EUR 100.000 all'anno (imposta sostitutiva), indipendentemente dal suo reddito reale all'estero. Ciò significa che i redditi esteri, come i dividendi, gli interessi, i redditi da immobili e dall’occupazione, non saranno tassati in Italia in alcun modo (neanche non al momento in cui rientrano in Italia).

Tuttavia, il reddito costituito da:

  • tutte le entrate italiane (inclusi i redditi da investimenti italiani); e
  • le plusvalenze da "partecipazioni qualificate" (detenute in qualsivoglia giurisdizione) realizzate nei primi cinque anni di residenza fiscale in Italia,

sarà soggetto a tassazione in Italia (si applicheranno tutte le regolari norme domestiche sulla tassazione) oltre all'importo annuale di imposta dovuto, vale a dire, l’importo di EUR 100.000.

Ciò che distingue il regime fiscale speciale italiano è la possibilità per i richiedenti di richiedere l’esenzione di redditi esteri da alcune giurisdizioni dal campo di applicazione del regime fiscale speciale. Di conseguenza, questo reddito sarà tassato direttamente in Italia e si applicheranno le disposizioni degli’accordi contro la doppia imposizione.

L'imposta italiana sul patrimonio del 0,2% annuo, che si applica alle attività finanziarie detenute all'estero, non è applicabile ai residenti che hanno optato per il regime fiscale speciale italiano. I cittadini stranieri che usufruiscono del regime fiscale italiano non domiciliati sono esentati da un numero di obblighi (fiscali) di dichiarazione e a essi non si.

Per ogni membro della famiglia (coniuge, figli (configli), genitori (suoceri), fratelli) che procede alla delocalizzazione in Italia, sarà necessario versare un ulteriore importo fisso di EUR 25.000 di imposta sul reddito sostitutiva affinché loro possano usufruire del regime fiscale speciale.

Imposta sulle successioni e imposta sulle donazioni

L'imposta sulle donazioni e l’imposta sulle successioni italiane saranno applicabili solo sui beni italiani (situs- sul posto). Qualsiasi bene detenuto all'estero sarà fuori dall'ambito di applicazione dell’imposta sulle donazioni e dell’imposta sulle successioni in Italia.

Differenza tra i cittadini dell’UE e i cittadini extra UE

Sia i cittadini dell’UE (inclusi SEE e Svizzera) che i cittadini extra UE che vorrebbero trasferirsi in Italia possono beneficiare del regime fiscale speciale italiano. Nel caso di cittadini extra UE, è necessario ottenere prima un visto per investitori. In seguito sono disponibili maggiori informazioni sul visto italiano per investitori.


I vantaggi della vita in Italia

L'Italia è un paese abbastanza grande e quindi offre molte diverse possibilità alle famiglie che desiderano procedere alla delocalizzazione. Si può vivere a nord nella splendida natura delle Alpi italiane, sulla costa soleggiata del Mediterraneo o sul mare Adriatico, in Sicilia o nel cuore pulsante di Roma, con la sua popolazione di oltre 4 milioni di persone l’impressionante patrimonio culturale. La parte settentrionale dell'Italia, ad eccezione delle Alpi italiane, è in media molto più densamente popolata rispetto alla parte meridionale dell'Italia, ad eccezione di Roma e dell'area di Napoli.

A causa della sua posizione geografica e delle sue dimensioni, l'Italia ha un clima piuttosto variegato e i principali tipi di clima sono quello continentale e quello mediterraneo. Gli inverni nelle Alpi possono essere molto freddi e nel sud e nel centro Italia (non direttamente su una delle sue coste) le estati possono essere relativamente calde.

Le connessioni con le altre giurisdizioni sono ben organizzate. L'Italia può essere raggiunta via terra attraverso la Francia, la Svizzera, l’Austria e la Slovenia. Ha collegamenti marittimi con la Croazia, il Montenegro, l’Albania, la Grecia e la Francia. L'Italia ha anche numerosi aeroporti, dei quali Roma, Milano e Napoli sono i più grandi, offrendo cosi collegamenti aerei internazionali.

Il sistema scolastico in Italia è principalmente organizzato dallo stato e può essere frequentato gratuitamente, fino a quando i bambini non raggiungono l'età di diciassette anni. L'istruzione è fornita in lingua italiana. Esistono alcune scuole private (internazionali). Le più grandi città d'Italia hanno anche delle università locali.

I beni immobili in Italia sono disponibili in tutte le dimensioni, qualità e prezzi. Da una vecchia cantina in Toscana a splendidi appartamenti nel centro di Roma, tutto è possibile e disponibile. I prezzi dipendono principalmente dalle dimensioni, dalla qualità e dall'età della proprietà. Dato che l’Italia è un grande paese, i prezzi possono variare considerevolmente a livello locale.

I servizi di assistenza sanitaria in Italia sono forniti sia pubblicamente che privatamente. Soprattutto nelle aree più remote, sarà difficile avere accesso diretto all'assistenza sanitaria privata. L'Italia offre sicuramente una grande qualità di vita, che si riflette in una delle più alte aspettative di vita al mondo. La cultura italiana attrae visitatori da tutto il mondo. Vanta un'abbondanza di cultura, architettura, arte visiva, letteratura, teatro, moda, design, musica e cinema da godere, scoprire e/o visitare. Lo sport nazionale d'Italia è il calcio, battendo di gran lunga tutti gli altri sport popolari come il tennis, il ciclismo, i sport motoristici e lo sci.


Visti e permessi di soggiorno

Se siete interessati al trasferimento in Italia, è consigliabile visitare prima il paese. L'UE, lo Spazio economico europeo (SEE) e i cittadini svizzeri non necessitano di un visto per visitare l'Italia. Ovviamente, è consigliabile portare un passaporto o altro documento di viaggio valido.

I cittadini extra UE necessitano di un documento di viaggio valido per recarsi in Italia e nella maggior parte dei casi anche un visto Schengen. Il visto Schengen deve essere valido per tutta la durata del soggiorno in Italia (è consentito anche soggiornare in altre giurisdizioni Schengen). Il titolare del visto Schengen deve disporre dei mezzi finanziari per pagare il soggiorno e il viaggio di ritorno ed essere coperto da una polizza di assicurazione di viaggio (sanitaria) valida.

Quando sono in possesso di un visto Schengen, i cittadini stranieri possono rimanere nello spazio Schengen per un massimo di 90 giorni (nell’arco di un periodo di 6 mesi). Chi vuole rimanere più a lungo deve richiedere un permesso di soggiorno. Per ottenere un impiego, anche per un periodo inferiore di 90 giorni, è sempre obbligatorio un permesso di soggiorno.


Diventare residenti italiani

Cittadini dell’UE, SEE e Svizzera

I cittadini facoltosi dalle giurisdizioni dell’UE, dal SEE e dalla Svizzera non hanno bisogno di permessi di immigrazione per ottenere la residenza in Italia. Una volta stabiliti in Italia, hanno comunque bisogno di rispettare diversi passaggi amministrativi per stabilirsi legalmente in Italia. Dovrete registrarvi presso le autorità fiscali italiane per ottenere un numero fiscale e dovrete registrarvi presso il comune locale. Ogni membro della famiglia deve seguire questa procedura.

Cittadini extra UE

Dal 2017, l'Italia offre un programma di visti per investitori cittadini extra UE. Questo programma rende relativamente semplice l’ottenimento della residenza in Italia per i facoltosi cittadini extra UE.

Il programma italiano di visti per investitori cittadini extra UE

Le facoltose famiglie extra UE che desiderano trasferirsi in Italia possono richiedere un permesso di soggiorno italiano per investitori. Tale domanda deve essere presentata (e approvata) prima di trasferirsi effettivamente in Italia.

Le condizioni di applicazione per il visto per investitori

L'investitore dovrebbe investire in Italia in uno dei seguenti modi:

  1. deve investire almeno EUR 2.000.000 in titoli di stato italiani. Questi titoli di stato devono essere detenuti per almeno due anni; o
  2. deve investire almeno EUR 1.000.000 in una società italiana, o in alternativa, EUR 500.000 in una start-up 'innovativa' in Italia, registrata in una sezione speciale della Camera di Commercio Italiana. Questo investimento dovrebbe essere detenuto per almeno due anni; o
  3. deve donare almeno EUR 1.000.000 per sostenere un progetto in Italia nel campo dell'istruzione, della cultura, della ricerca scientifica, ecc. (una donazione filantropica).

La procedura

Per richiedere e ottenere il visto italiano per gli investitori, l'investitore straniero dovrà:

  1. dimostrare di essere l'effettivo beneficiario degli importi finanziari menzionati. I fondi devono essergli disponibili e pronti per essere trasferiti in Italia. L'autocertificazione sarà sufficiente a questo scopo. I fondi devono essere stati ottenuti legalmente;
  2. presentare una dichiarazione scritta nella quale lui/lei conferma la propria intenzione di effettuare effettivamente l'investimento o la donazione entro tre mesi dal giorno dell’ottenimento della residenza in Italia;
  3. dimostrare di avere un reddito sufficiente (>EUR 8.500) in modo da non beneficiare dell'esenzione dal contributo sanitario obbligatorio.

All’applicazione dovranno essere allegati almeno i seguenti documenti:

  • una copia certificata del passaporto, che dove essere valido per più di due anni e tre mesi; e
  • la descrizione dell’effettivo investimento o della donazione.

Se la domanda di permesso di soggiorno temporaneo (visto per investitori) viene approvata, il permesso verrà rilasciato per un periodo di due anni e potrà essere rinnovato per altri tre anni. I familiari sono autorizzati a richiedere un permesso di soggiorno temporaneo per motivi familiari.

Dopo 5 anni di soggiorno regolare in Italia, i cittadini extra UE hanno il diritto di richiedere lo status di residente a lungo termine in Italia.


Cittadinanza italiana

Non esiste una procedura breve o semplice per ottenere la cittadinanza italiana. In oltre, non esiste un programma specifico di cittadinanza italiana.

A seconda se il richiedente è un cittadino UE o un cittadino extra UE, un cittadino straniero che ha ottenuto la residenza in Italia può richiedere la cittadinanza italiana se ha vissuto in Italia per almeno quattro (cittadino UE) o dieci (cittadini extra UE) anni.


Per richiedere la cittadinanza italiana e necessario presentare, tra le altre cose:

  • una fotocopia del vostro passaporto;
  • una copia del certificato di nascita;
  • il certificato storico di residenza in Italia;
  • dichiarazioni fiscali per gli’ultimi tre anni
  • certificate di buona condotta dall’Italia e dal vostro paese di provenienza.

Per acquisire la nazionalità italiana, non è necessario rinunciare alla cittadinanza d'origine. Ciò consente agli stranieri che si sono trasferiti in Italia di detenere la doppia cittadinanza una volta rilasciato il passaporto italiano. La richiesta di cittadinanza italiana può essere respinta.


Lasciare il proprio paese di origine e immigrare in Italia

Ora che l'Italia ha varato il regime fiscale italiano non domiciliati e il regime italiano dei visti per gli investitori, si è posizionata davvero come giurisdizione alettante di delocalizzazione per famiglie benestanti, sia nei confronti dei paesi limitrofi che in quello delle giurisdizioni extra UE.

Anche se la procedura è relativamente semplice, dovreste sempre tenere a mente che, lasciare la propria giurisdizione spesso rappresenta una sfida più grande che ottenere la residenza in Italia.

Inoltre, quando si procede alla delocalizzazione in Italia, sono necessari un attento esame e una pianificazione professionale per evitare di imbattersi, ad esempio, nell’exit tax nella propria precedente giurisdizione o in altri effetti fiscali negativi. Dovreste anche evitare la situazione in cui il trasferimento al di fuori dal paese non viene legalmente riconosciuto, in particolare ai fini fiscali, perché effettivamente non passate il dovuto numero di giorni all'anno in Italia.


Compiere questo passo

Le famiglie che considerano l'immigrazione in Italia al fine di ottenere la residenza, sono invitate a richiedere il supporto di una banca privata (locale), del proprio multi- family office o un di un consulente legale specializzato per guidarli attraverso la procedura. Se desiderate ricevere ulteriori informazioni sui vantaggi e le possibilità di delocalizzazione in una determinata giurisdizione, non esitare a contattarci. Saremo felici di fornirvi il nostro supporto*.

Autore: , LLM, TEP
Questo testo è una traduzione. Se qualcosa non è chiaro, vi pregiamo di consultare il testo originale in inglese.
© Diritto d'autore

* Il team specializzato di UPB composto da esperti nella pianificazione fiscale e patrimoniale ha una conoscenza approfondita di questo argomento e mantiene i contatti con un'ampia rete di studi legali e fiscali altamente qualificati in tutto il mondo, oltre che con i fornitori di servizi aziendali e contabili e con gli esperti nella delocalizzazione e nella cittadinanza, che, tutti insieme, vi aiuteranno a dimenticare i vostri problemi, permettendovi cosi di godervi davvero la vostra delocalizzazione.

Dichiarazione di limitazione di responsabilità:
Le informazioni riguardanti il sistema fiscale e i criteri per l'ottenimento della residenza forniti su questa pagina sono di natura generale e non devono essere percepite come consulenza (fiscale o legale), o come sollecitazione all'utilizzo di servizi fiscai o legali. Anche se tutte le informazioni vengono aggiornate regolarmente, alcuni fatti potrebbero risulare non aggiornati.


Pagina successiva: Delocalizzazione a Jersey →‏